Nuove frontiere: il Convertiplano elettrico, l’aereo che diventa elicottero

E’ stato presentato al Salone aerospaziale di Le Bourget il nuovo Convertiplano elettrico (nome in codice “Project Zero”),  sviluppato dalla AgustaWestland  in collaborazione con Selex Es, Ansaldo Breda e Ansaldo Energia.

Project Zero è un convertiplano completamente elettrico, con due rotori basculanti, in grado di ruotare di 90 gradi e integrati nella fusoliera, che permettono di combinare la flessibilità dell’elicottero (decollo e atterraggio verticale e volo a punto fisso) e le prestazioni dell’aereo (velocita’ di crociera, alta quota e ampio raggio d’azione).

I convertiplani sono stati sviluppati fin dagli anni ’80 negli Stati Uniti ma hanno avuto una lunga e travagliata gestazione dovuta alle innovative soluzioni tecnologiche che ne hanno permesso lo sviluppo finale solo negli ultimi anni. I due modelli oggi operativi sono velivoli dotati di due motori basculanti, cioè in grado di ruotare attorno all’asse orizzontale delle ali per generare una spinta verso l’alto che consenta il decollo verticale come un normale elicottero e persino di muoversi a “marcia indietro”, funzionando in volo come le normali eliche di un aereo.

Un principio che ricorda quello dei jet da combattimento Harrier sviluppati dai britannici fin dagli anni ’60 e oggi prodotti anche negli Stati Uniti, ma anche dai sovietici che realizzarono negli anni ’70 un piccolo caccia dalle prestazioni non esaltanti, lo Yak-38, imbarcato sulle portaelicotteri della marina di Mosca. I convertiplani sono invece velivoli a turboelica concepiti per il trasporto leggero e medio di persone e materiali in aree sprovviste di piste di atterraggio offrendo tutta la versatilità di un elicottero con la capacità di volo stazionario (hovering) e avanzamento lento ma con le prestazioni in termini di velocità e capacità di carico di un aereo.

Il Comvertiplano Project Zero presenta molteplici vantaggi per la sicurezza e la riduzione dell’impatto ambientale, a conferma dell’impegno di AgustaWestland per sviluppare soluzioni ecocompatibili. Il velivolo ha una ridotta traccia acustica e termica e puo’ volare in condizioni di inquinamento o contaminazione, come nel caso delle eruzioni vulaniche.

Informazioni su Marco Blaset 81 Articoli
Giornalista economico della Federazione Svizzera e Direttore di Outsider News.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*