Millennial Mindset, il delirio dell’eterna giovinezza che colpisce tutti

Tremate, tremate: c’è una nuova formula pronta a catturare le evidenti e infinite storture del presente. Si chiama Millennial Mindset, e tradotto all’impronta vuol semplicemente dire: mentalità millennial.

Fuor di metafora, significa che oggi tutti, dai ragazzini nativi digitali che maneggiano smartphone e tablet come estensioni del corpo e della mente alle persone di mezza età – definizione vetusta e a questo punto anacronistica, forse, visto che dai diciotto agli ottanta anni ormai si è tutti uguali – che il digitale lo hanno scoperto da adulti, amandolo follemente, agli arzilli vecchietti che nella tecnologia hanno ritrovato l’entusiasmo della fanciullezza; ecco, tutte queste generazioni sono accomunate dal desiderio bruciante di sentirsi millennial, di vivere velocissimi e connessi in un mondo pop e tecnologico dove si può avere tutto in un click, per dimenticarlo subito dopo, e si trasmette in diretta continua attraverso post, instagram stories, selfies e chi più ne ha più ne metta.

Insomma, è il solito, incrollabile, vecchio mito dell’eterna giovinezza, aggiornato per i tempi che viviamo. Un mito che naturalmente ha una traduzione vestimentaria, ben evidente sotto gli occhi di tutti nel dilagare di stili altamente informali, nell’affermarsi della tuta da ginnastica come passepartout per tutte le occasioni, nel dilagare delle sneaker come sola forma accettabile di calzatura.

Un fenomeno inarrestabile, che ci sta trasformando tutti in liceali con lo zainetto e che sta facendo definitivamente a pezzi l’idea che ruolo sociale e occasione richiedano un certo tipo di abbigliamento.

Lo ha scritto persino il New York Times: il dandy è morto. E infatti lo si è visto in maniera evidente tra gli astanti sempre variopinti e fantasmagorici di Pitti Uomo. All’ultimo giro, all’improvviso, i damerini in doppiopetto sono apparsi anacronistici e un po’ muffiti, sostituiti da arzilli cinquantenni con i bermuda da skater e le scarpe da ginnastica.

Entrambe le visioni – eleganza estrema, giovanilismo estremo – traboccano di ridicolo, ma poco importa. Uno dei vantaggi della mentalità millennial è la smemoratezza.

Informazioni su Albertina Marzotto 77 Articoli
Esperta di moda e giornalista di costume. Ex Product Manager del Gruppo Marzotto. Autrice del libro "L'abito fa il monaco?" edito da Mondadori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*