I Robotaxi Zoox si muoveranno grazie ai cervelli di Tesla

Elon Musk ed il suo costante desiderio di arrivare a creare veicoli dal minor impatto ambientale e dotati della più efficiente tecnologia energetica hanno sempre aiutato il marchio Tesla ad attrarre ingegneri di grande talento. Inevitabilmente, molte di queste menti brillanti hanno divulgato il credo del genio di Pretoria in altre aziende dalla stessa visione futuristica. Su tutte Zoox, produttrice di Robotaxi, guidata dal designer australiano Tim Kentley-Klay.

Più di 80 menti geniali

Entro il 2020 Zoox prevede di realizzare veicoli elettrici e completamente robotizzati senza volante e/o pedali e progettati da zero. Per raggiungere questo obiettivo ha bisogno, però, di un’enorme quantità di denaro e di buoni ingegneri, ed è proprio per quest’ultima necessità che Tesla si è dimostrata particolarmente utile. Infatti, dei 500 dipendenti della Zoox, più di 80, circa il 16%, provengono dal marchio guidato da Musk. Uno di questi cervelli geniali è quello di Brijesh Tripathi, entrato a far parte della Zoox come vice presidente del reparto di ingegneria hardware, dopo due anni di leadership nel team Autopilot di Tesla. La Zoox non è stata la sola azienda a trovare qualcosa di estremamente geniale negli ingegneri di Palo Alto. Anche altre belle realtà della Silicon Valley, che vanno dalla Alphabet’s Waymo, General Motors’ Cruise Automation e Apple, fino al produttore di autobus elettrici Proterra, hanno apprezzato e voluto il loro talento.

Un business costoso

Non sappiamo ancora come sarà esattamente il robotaxi di Zoox, dato che l’azienda ha deciso di tenersi ben stretti tutti i dettagli sul futuristico progetto. Comunque l’azienda di Tim Kentley-Klay promette un servizio di mobilità urbana di nuova generazione che potrebbe un giorno eliminare la necessità per gli abitanti delle città di possedere un’auto. La visione di Kentley-Klay è piaciuta molto anche a VCs, che ha già versato 360 milioni di dollari nelle casse della Zoox. Ma la costruzione di un nuovo tipo di veicolo elettrico è un business costoso e, quindi, l’azienda di Foster City, nata nel 2014, necessita di un ciclo di finanziamento non di serie B. Ciononostante, per ora Kentley-Klay ha rifiutato di condividere con i media quale sia l’importo richiesto e quale sarà la data ufficiale di un potenziale inizio della produzione.

Altri cervelli in fuga

Tornando all’arrivo di cervelli dall’azienda di Elon Musk alla Zoox, è possibile che il flusso non venga chiuso, dato che Tesla sembra voler tagliare il 9% del suo personale, circa 4.000 posti di lavoro in tutto il mondo. Kentley-Klay non dirà se la Zoox assumerà alcune di queste persone, anche se è quasi certo che il suo reparto HR sarà inondato di curricula provenienti da Palo Alto.

Alberto Lattuada
Informazioni su Alberto Lattuada 12 Articoli
Lavora in ambito televisivo fin dal 2003, svolgendo tutti i ruoli fino a debuttare nel 2010 come regista. Inoltre, grazie agli studi umanistici completati all'Università Statale di Milano, scrive per diverse testate cartacee ed online, tra le più importanti: La Discussione, Sprint&Sport Lombardia, Motorionline, Calcio&Finanza e Omnimoto. Ama lo sport e soprattutto i motori, motociclista ed appassionato di auto trova sempre il modo di informare ed allietare i lettori con storie affascinanti ed appassionanti. Nel 2015 realizza il suo sogno di creare da zero un nuovo progetto web: Motorlands, un sito in lingua inglese dedicato alle auto e alle moto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*