Egitto: Mohamed Salah raccoglie un milione di voti, quando il calcio conquista la politica

Un milione di voti. Tanto vale la popolarità di Mohamed Salah. Il nome dell’ex attaccante della Fiorentina (e ora centravanti del Liverpool) è spuntato un milione di volte sulla scheda elettorale utilizzata per le presidenziali in Egitto.

Molti elettori egiziani hanno infatti cancellato i nominativi di Al-Sisi e Moussa – i due candidati ufficiali stampati sulla scheda – e scritto quello del calciatore. Voti che sono stati chiaramente annullati, ma che alla fine hanno rappresentato quasi il doppio delle preferenze ottenute dallo stesso Moussa. Abdel Fattah Al-Sisi, alla fine, è stato rieletto con il 96,9% dei voti validi, ma il milione di elettori che si è espresso in maniera così chiara per Salah è sintomatico dell’affetto che i cittadini nutrono per il più forte attaccante africano in circolazione.

La notizia, lanciata dall’Economist, è stata ripresa ampiamente dalla stampa britannica e da quella sportiva italiana. E chissà che Mohamed Salah non possa un giorno percorrere una prestigiosa carriera politica come l’altro illustre collega: Weah ed Eto’o.

Calciatori presidenti

Ci è riuscito davvero George Weah, 51 anni, ex calciatore del Milan e Pallone d’Oro. Dal 22 gennaio di quest’anno è infatti il nuovo presidente della Liberia. Weah ha battuto al ballottaggio Joseph Boakai con oltre il 60 per cento dei voti. L’ex calciatore ha preso il posto di Ellen Johnson Sirleaf, che lo aveva battuto alle presidenziali del 2005.

Pesce d’aprile ad Eto’o

Mentre non l’ha presa bene l’ex interista Samuel Eto’o per il ‘pesce d’aprile’ sulla sua prossima candidatura a presidente del Camerun. La fake news è stata diffusa dal sito ‘Jeune Afrique’ e poi ripresa da molte testate di settore. L’attaccante oggi gioca in Turchia con il Konyaspor. La sua smentita è arrivata via social attraverso un comunicato ufficiale.

Informazioni su Roberto Zarriello 9 Articoli
Giornalista, saggista e docente di Comunicazione digitale e Social Media all’Università Telematica “Pegaso”, dirige il Master in "Editoria e Giornalismo digitale" della Ninja Academy. Ha collaborato con le Cattedre di Organizzazione e Comunicazione degli Uffici Stampa - URP e di Pianificazione Media e Comunicazione dello Sport della Facoltà di Scienze della Comunicazione all’Università “La Sapienza” di Roma. Scrive di comunicazione, internet e nuove tecnologie per l'Huffington Post, coordina l'area Glocal news di Tiscali.it. Collabora dal 2003 con il gruppo Espresso, con cui ha creato il progetto Città 2.0 su Repubblica.it. È fondatore e direttore responsabile del magazine di cultura e innovazione RestoalSud.ite dirige la RestoalSud Academy. Ha pubblicato il volume Penne Digitali 2.0 - Fare informazione online nell’era dei blog e del giornalismo diffuso, edito dal Centro di Documentazione Giornalistica, e Social Media Marketing - Strumenti per i nuovi Comunicatori Digitali, edito da Franco Angeli. Ha ricevuto nel 2015 il Premio Giornalistico Nazionale “Maria Grazia Cutuli” per la categoria “web, editoria digitale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*