Luigi De Falco lancia l’HUB del Made in Italy per i mercati emergenti

paganiLa Holding Made in Italy, guidata da Luigi De Falco, Presidente del Gruppo H2biz e fondatore di questa testata, sta sviluppando una piattaforma internazionale per aiutare le imprese italiane ad esportare nei mercati emergenti.

Il progetto nasce sulla base dell’esperienza maturata negli ultimi cinque anni da H2biz sui mercati ad alto tasso di sviluppo, Africa e Iran su tutti, e prevede la creazione di un vero e proprio HUB, a cui potranno aderire le imprese dei settori strategici del made in italy: aerospazio, design, moda, lusso, meccanica, meccatronica, nautica, automotive, food & wine, biotech e hi-tech.

I mercati di riferimento saranno l’Africa, il Medio Oriente, il Sud Est asiatico e il Latino America. Sono stati volutamente esclusi dal progetto i mercati del Nord America e dell’Europa, considerati saturi dal punto di vista dell’export tricolore.

Ogni settore ed ogni mercato avranno dei servizi dedicati. Si è deciso di puntare sull’alto livello di specializzazione settoriale degli aderenti, sulla personalizzazione dei servizi e sulla rete estera del Gruppo H2biz, presente in 38 paesi, per costruire dei canali di export efficaci.

L’HUB, denominato “Made in Italy International HUB”, sarà operativo on-line, integrato nel portale H2biz, e off line. Ogni mercato avrà una base logistica di riferimento e gestirà degli eventi dedicati. Attraverso l’HUB sarà possibile vendere beni e servizi, dialogare con le controparti estere, negoziare royalty e licenze internazionali.

Secondo le previsioni della Holding Made in Italy, che gestisce l’operatività di tutto il progetto, il nuovo HUB sarà operativo ad aprile 2016.

Informazioni su Marco Blaset 85 Articoli
Giornalista economico della Federazione Svizzera e Direttore di Outsider News.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*