News

Innovazione e posti di lavoro non vanno più d’accordo

Ormai è certo, innovazione e posti di lavoro non vanno più d’accordo. Fino a 15 anni fa ogni nuova innovazione distruggeva dei posti di lavoro in un settore e li creava in altri (gli operai venivano sostituiti dagli ingegneri che gestivano l’automazione industriale), ma internet ha paradossalmente bloccato questo ciclo virtuoso.

Le innovazioni tecnologiche e le economie di scala che genera la Rete sono tali che per ogni posto creato nel “mondo virtuale” ne vengono distrutti 10 o 20 nell’economia reale e non vengono più recuperati.

Un esempio valga per tutti: i software che alcune banche d’investimento utilizzano per automatizzare le compravendite di azioni in Borsa possono essere realizzati da una sola persona, gestiti da quattro esperti informatici e sono in grado di sostituire 60 analisti finanziari (5 contro 60, rapporto 1 a 12).

Non è un caso che anche nelle economie in crescita, come la Germania e gli USA, i posti disponibili per i lavoratori dipendenti diminuiscano e molti siano costretti a mettersi in proprio. Per questo motivo sono diventate strategiche le iniziative di supporto alle start up e all’imprenditoria in generale, a scapito dei classici ammortizzatori sociali, la cui efficacia è in crollo verticale.

Sia chiaro, innovazione e internet non sono dei nemici da combattere, ma da affrontare con gli strumenti giusti per generare una crescita sistematica dell’occupazione.

Il mondo è cambiato e non si può tornare indietro. Invece di tentare (inutilmente) di contrastare questa tendenza, sarebbe meglio guidarla, mettendo davvero in condizione chi vuole fare impresa di avere successo. Tra 20 anni il “posto fisso” sarà un fenomeno marginale, meglio non farsi trovare impreparati e agire prima. Il rischio è quello di abbandonare alla deriva anche la prossima generazione.

About Gianmario Giagnoni (7 Articles)
Gianmario Giagnoni: economista, 25 anni in diverse aziende – industria, commercio, servizi – dove raggiunge incarichi di direzione generale, seguiti da 16 anni di libera professione come Principal di un gruppo multinazionale leader nei servizi di Career Management. Il suo expertise di Mentor, Counselor, Coach è stato condiviso con oltre 600 manager per il loro percorso di carriera. Certificato IBMC e Birkman, oggi professionista nel settore dell'Executive Search come Partner di Exellere-in people search (www.exellere.it; ggiagnoni@exellere.it), presidia principalmente i settori beni durevoli, componentistica, meccanica, chimico-farmaceutico, energia, sanità e salute, abbigliamento, lusso, ICT, alimentare, servizi finanziari.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*