Dopo Iran, Russia e Cina, H2biz punta al Sudan. Luigi De Falco: “La fine delle sanzioni è un’opportunità per l’Italia”

Il Gruppo H2biz, da anni operativo nelle gestione di transazioni di beni e servizi con i paesi ad alto tasso di rischio, ha deciso di scommettere sul Sudan post-sanzioni. Il 12 luglio, infatti, verranno rimosse le sanzioni americane che hanno depresso l’economia del paese africano.

Dopo l’Iran, il Venezuela, la Russia e la Cina, il Gruppo guidato da Luigi De Falco (editore di questa testata) torna in Africa a sei anni di distanza dalle prime operazioni effettuate in Marocco e Algeria attraverso il MED, il network internazionale costituito da H2biz nel 2011.

Lo schema con cui H2biz vuole penetrare in Sudan è quello ormai consolidato: aggregare la domanda di prodotti e servizi, costituire una rete di transazione Italia-Sudan e gestire le transazioni tra le pmi italiane e le controparti sudanesi fornendo supporto operativo, logistico e finanziario. Un modello già applicato agli altri mercati dove opera il Gruppo.

Luigi De Falco: “Il Sudan ha una posizione strategica, è una terra d’incontro tra l’area mediterranea, la Penisola d’Arabia e le regioni a sud del grande deserto. Entrare in Sudan vuol dire aprirsi anche i mercati adiacenti con un occhio di riguardo verso l’Arabia Saudita che sta trasformando la sua economia, oggi basata quasi esclusivamente sul petrolio ma domani costretta a diversificare. Siamo presenti in Africa dal 2011, un continente che conosciamo bene, è da li che è partita la nostra avventura internazionale e rappresenta ancora il nostro primo mercato in termini di volumi. La fine delle sanzioni è un’opportunità per tutto il Made in Italy e, soprattutto, per le piccole e medie imprese che, mai come in questa fase storica di domanda interna latente, hanno bisogno di mercati di sbocco. Saremo operativi in Sudan già dal mese di maggio e contiamo di effettuare le prime operazioni appena verranno rimosse le sanzioni. Arrivare primi è fondamentale per creare un vantaggio competitivo per le imprese aderenti alla nostre reti”.

Redazione
Informazioni su Redazione 49 Articoli
Redazione Outsider News.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*